Facebook Wi-Fi

Facebook Wi-Fi: Come funziona?

Avete mai sentito parlare di Facebook Wi-Fi? È un servizio offerto da Facebook per poter ottenere registrazioni presso il negozio/ristorante e darne più visibilità. Piano piano si sta sviluppando anche in Italia, quindi abbiamo deciso di spiegarvi come funziona.

Facebook Wi-Fi

Facebook Wi-Fi: lato utente

Questo servizio permette agli utenti di utilizzare la connessione Wi-Fi di un locale gratuitamente, semplicemente accedendo col proprio account Facebook e pubblicando automaticamente un aggiornamento sul luogo in cui vi trovate. Semplice e comodo, sarete reindirizzati alla pagina Facebook del locale ma senza vincoli di utilizzo.

Una ulteriore funziona legata a Facebook Wi-Fi è quella di avere una apposita sezione di ricerca in base a locali che forniscono questo servizio. Oltre a queste reti, sono mostrate anche le reti Wi-Fi aperte in modo da fornire un servizio completo (e tracciare in modo più preciso la localizzazione n.d.r.).

Facebook Wi-Fi: lato azienda

Vi starete chiedendo: cosa ci guadagna l’azienda? Beh, ci sono tre punti principali per cui un’attività può trarne vantaggio:

1- Semplificazione dell’accesso alla rete: Gli utenti non dovranno fare processi complicati come un account con password, un form con molti dati o richiedere la password al personale, ma dovranno solo ed esclusivamente effettuare il login su Facebook (e di conseguenza il check-in). Questo è un vantaggio per via della facilità con cui un locale può creare un file clienti e raccogliere informazioni utili. Il tutto senza che il personale debba fare nulla.

2- Visibilità gratuita: Ogni volta che una persona effettua il check-in, sarà pubblicato su Facebook un aggiornamento visibile ai suoi amici con il luogo dell’attività.

3- Posizionamento: I check-in contribuiranno al pari delle interazioni a far migliorare il posizionamento dell’attività nella ricerca dei posti nelle vicinanze e nelle ricerche di Facebook.

Purtroppo ha anche dei lati negativi. Per quanto riguarda il nostro paese il limite principale è quello dei router abilitati al servizio, che sono tutti modelli poco commercializzati in Italia (qui la lista dei router).

Un altro limite è quello degli insights registrati da Facebook. Infatti gli utenti sono contati mese per mese, cosa significa? Significa che se Mario si presenta al locale a maggio e si collega al Wi-Fi il sistema lo conta come un nuovo utente, se torna verso fine maggio è considerato un cliente che torna al locale. Bellissimo, vero? Si, ma se Mario torna a giugno diventa nuovamente un nuovo utente. Questo limite non permette di automatizzare il rintracciamento dei clienti che tornano al locale senza passare da terze parti.

Facebook Wi-Fi: si o no?

In conclusione, proviamo a tirare le somme e capire se, ad oggi, Facebook Wi-Fi è un servizio realmente utile. Lato utente sicuramente lo è, essendo solo ed esclusivamente un plus. Lato azienda invece può essere utile solo se si ha già un router abilitato o si sta cercando un nuovo router. Se nel locale è già presente un sistema di raccolta dati per collegarsi al Wi-Fi, allora secondo noi Facebook Wi-Fi è poco utile, in quanto con un sistema di raccolta dati personalizzato si possono scegliere individualmente le informazioni ritenute più utili.

Vi terremo aggiornati in caso di novità e speriamo di poter cambiare idea, attendendo migliorie da parte di Facebook.

Share: